Notizie

Fondazione CRTriesteFormazioneDalla Fondazione CRTrieste tutti gli arredi per la nuova sede dell’Accademia Nautica dell’Adriatico

Dalla Fondazione CRTrieste tutti gli arredi per la nuova sede dell’Accademia Nautica dell’Adriatico

4 ottobre 2018

Banchi, sedili, armadi, lavagne, cassettiere: questa solo una parte del materiale di cui si è dotata la nuova sede di via Von Bruck della Fondazione Accademia Nautica dell’Adriatico grazie al contributo della Fondazione CRTrieste. I nuovi arredi sono stati illustrati oggi, nell’ambito dell’inaugurazione della sede stessa, a stampa e ospiti, e presto saranno utilizzati dagli studenti che affolleranno le nuove aule.

Si tratta di un elenco che comprende ben 21 voci di arredi vari, che vanno dagli armadi alle cassettiere, ma che conta come voci principali nove cattedre con cassettiere, sessantotto banchi biposti doppi, centosessanta sedie con schienale in faggio, venti scrivanie, e nove lavagne in acciaio porcellanato ad alta resistenza garantite per 20 anni.

Si tratta di una fornitura completa per la nuova sede dell’istituto, che ospiterà dall’anno scolastico in partenza, oltre ai classici indirizzi ”Ufficiale di coperta e macchina”, ”Mare”, ”Infomobilità e Logistica”, anche il nuovo corso ”Progettazione Navale”. Le lezioni inizieranno tra fine ottobre e inizio novembre, al termine delle procedure di ammissione degli studenti.

La Fondazione CRTrieste, nell’ambito del suo impegno per la modernizzazione e adeguamento delle istituzioni scolastiche (le quali, fino al 30 novembre 2018, possono presentare domanda di contributo nel Bando Scuola), ha quindi voluto contribuire con un impegno sostanzioso agli arredi di quella che è riconosciuta come un’eccellenza a livello non solo nazionale di formazione delle professioni legate al mare.

L’ Accademia Nautica dell’Adriatico nasce nel 2015 come Istituto Tecnico Superiore dedicato all’alta formazione professionale, e propone un’offerta altamente qualificata indirizzata all’ambito produttivo ed imprenditoriale, collaborando con imprese, università, centri di ricerca scientifica e tecnologica, enti locali, sistema scolastico e formativo del territorio.

Per scaricare il Comunicato Stampa clicca QUI