Notizie

Fondazione CRTriesteSviluppoCerimonia di consegna dell’ex magazzino vini alla città di Trieste

Cerimonia di consegna dell’ex magazzino vini alla città di Trieste

10 gennaio 2017

La Fondazione ha acquistato l’immobile nel dicembre 2005 per adibirlo ad attività congressuale; successivamente, su invito dell’Amministrazione comunale, il progetto originario è stato rivisto e l’edificio è stato destinato ad attività commerciale. L’incarico di progettazione dell’intervento di riqualificazione è stato affidato al prof. arch. Marco Casamonti, fondatore dello Studio ARCHEA Associati. Sono stati molto intensi i contatti con la locale Soprintendenza al fine di valutare e definire congiuntamente le ipotesi progettuali di riqualificazione che, nel rispetto delle volumetrie originarie, meglio tutelassero la struttura dell’edificio e rispettassero il contesto urbanistico in cui è situato. È stata quindi concordata una soluzione esecutiva che ha comportato lo smontaggio e il rimontaggio per porzioni del muro storico perimetrale.

All’interno della muratura originaria, a una distanza di circa 3 metri, è stato inserito un nuovo corpo architettonico completamente vetrato, collegato al perimetro esistente da passerelle sospese rivestite in pietra. A differenza dell’edificio storico, il nuovo volume ha due livelli interrati e due fuori terra: il -2 (circa 1.800 mq) è adibito a parcheggio (50 posti macchina), mentre il -1 (circa 1.100 mq), il piano terra (circa 1.200 mq) e il primo piano (1.000 mq) sono invece destinati a spazi commerciali concessi in locazione a Eataly. La prestigiosa catena alimentare che ha scelto come location per il punto vendita di Trieste proprio la sede dell’ex Magazzino Vini, aprirà le porte al pubblico martedì 17 gennaio. L’atrio dell’edificio è caratterizzato da un’imponente doppia scala monumentale in acciaio cor-ten – che collega i tre piani commerciali, alla base della quale sono situate due vasche d’acqua altamente scenografiche – e da una grande parete rivestita in mattonelle di vetro retroilluminate che richiamano, per forma e materiale, il rivestimento interno delle antiche vasche dove veniva conservato il vino. Anche tra il muro storico, anch’esso rivestito internamente con le medesime piastrelle in vetro, e il nuovo corpo vetrato, al livello -1 si trova una grande vasca d’acqua che circonda tutto il perimetro dell’edificio.

Il Lotto n. 1 dell’intervento di riqualificazione “fondazioni speciali e opere strutturali” (ATI Riccesi S.p.A., Imprefond s.r.l. e Trevi S.p.A.), particolarmente complesso dal punto di vista tecnologico, ha richiesto circa due anni di lavoro (novembre 2010 – dicembre 2012): per realizzare i due piani interrati si è reso necessario scavare circa 23.000 mc di terreno al di sotto del livello del mare e creare una paratia in “pali secanti” lunghi 13 metri ciascuno. A seguito della sottoscrizione del contratto preliminare di locazione con Eataly (luglio 2013), il progetto architettonico e, soprattutto, quello impiantistico, sono stati profondamente modificati per adeguarli alle nuove esigenze commerciali manifestate dal futuro inquilino. Selezionate le imprese esecutrici del Lotto n. 2 “opere civili e impianti tecnologici” (ATI Simeon s.r.l. e Riccesi S.p.A.), nel giugno 2015 sono stati avviati i lavori.

“Con questa iniziativa – ha riferito Massimo Paniccia – la Fondazione CRTrieste non solo ha consentito di riqualificare completamente un’importante area delle Rive cittadine, già oggetto di intervento da parte della Fondazione con la ristrutturazione dell’ex Pescheria, ma anche promosso l’insediamento di quello che potrà risultare un grande attrattore economico per la città, Eataly, che ha già potuto creare cento nuovi posti di lavoro, in gran parte destinati a giovani locali”.

Nel corso della cerimonia il progettista, Marco Casamonti, ha illustrato la filosofia e le caratteristiche del progetto ed è stato proiettato un filmato realizzato da Videoest, disponibile nei prossimi giorni sul sito internet della Fondazione, che documenta le principali fasi dell’intervento.